a cura di Emanuele Ferrari

14 – 16 settembre 2018

Una storia vive soltanto dentro il suo racconto.
(Karen Blixen)

il lampo che candisce
alberi e muri e li sorprende in quella
eternità d’istante c’entro te scolpita porti
(Eugenio Montale – La bufera)

Desidero rivelarmi, smettere così di essere per voi
un enigma troppo facile da risolvere.
(Witold Gombrowicz – Diario)

L’idea
Il seminario si propone di affrontare il tema del racconto breve e più in generale delle scritture brevi, a partire da alcuni elementi “generativi” che appartengono alla nostra vita, alla dimensione del ricordo, agli episodi che nel corso del tempo ne hanno costruito il senso e ne tracciano in qualche modo il destino.
Il percorso inizierà dunque a partire da alcuni frammenti significativi, di taglio auto/biografico per sviluppare e orientare il discorso narrativo alla ricerca di una trama di racconto, che nonostante la sua quasi necessaria sospensione o incompiutezza, lasci ugualmente intravedere un disegno, tracci un sentiero di quello che ogni storia si lascia dietro, dentro, intorno.
Quello che si propone ai corsisti è in estrema sintesi, il tentativo di dare vita a una sorta di Epopea del baleno, per usare il titolo di un libro straordinario e inclassificabile di Peter Handke, dove le singole narrazioni della propria vita e delle vite degli altri, nascendo da una logica del frammento, possano dialogare tra loro e definire un luogo comune, una radura direbbe forse Heidegger, o punto cruciale da dove sia possibile vedere il mondo, come accade al protagonista di uno dei più famosi racconti di Jorge Luis Borges, L’Aleph.

Il metodo
Il metodo di lavoro che si propone è essenzialmente basato sulla pratica della scrittura, ma anche della ri-scrittura in loco, alternata a brevi momenti di lezione frontale che introducono temi, strategie e propongono infine esercizi. Per ogni modulo di scrittura è prevista la lettura e condivisione di quanto prodotto dai corsisti in una dialettica di libere conversazioni. A questa strategia di base si affiancheranno diversi momenti di tipo più esperienziale e d’ambiente: osservazioni della natura e del paesaggio, camminate che possano rendere più vigili e presenti i nostri cinque sensi, compiti autentici d’attenzione e ascolto a quello che accade e ci accade, dentro, fuori, intorno.

Per iscriversi al seminario compila l’apposito modulo cliccando qui

Emanuele Ferrari vive da sempre in Appennino Reggiano. Docente di letteratura e per passione editore e curatore di mostre, rassegne culturali, scuole di lettura e scrittura.
Per dieci anni ha curato la comunicazione e ha collaborato con la direzione artistica del Teatro Bismantova di Castelnovo ne’ Monti. Per il teatro ha scritto monologhi e adattamenti, collaborando con musicisti e compositori di livello nazionale.  Ha diretto riviste di storia e cultura letteraria e filosofica come Quaderni Storici Sarzanesi, e Hope. Suoi racconti e saggi narrativi sono stati pubblicati su antologie e riviste. Insieme allo scrittore arberesh Giuseppe De Santis nel 2007 ha fondato le edizioni Abao Aqu, di cui oggi è direttore editoriale e responsabile di collana. Queste le sue principali pubblicazioni:
2008 Un posto dove guardare – Edizioni Abao Aqu
2010 Invisibile dentro (fotografie di James Bragazzi) – Edizioni Panorama
2011 Casina: bellezza vita gente (fotografie di James Bragazzi) – Edizioni Panorama
2013 Quando tutto era ancora possibile – Edizioni Abao Aqu
2014 292 Poltroni (con Giovanni Mareggini) – Edizioni Abao Aqu
2016 Pensieri perduti, paesaggi ritrovati (dipinti di Corrado Tagliati) – Edizioni Abao Aqu
2017 Consolazioni (fotografie di Achille Ascani) – Edizioni Abao Aqu

TEMPI
Venerdì alle ore 15 alle ore 19
Sabato dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 19
Domenica dalle ore 9 alle ore 13

NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI: 20

SEDE: Anghiari (AR)

ISCRIZIONE: fino ad esaurimento posti

COSTO: Euro 160,00  per l’iscrizione al seminario
Per i diplomati Esperti (2° livello) della Libera Università dell’Autobiografia Euro 125,00
Per studenti universitari non lavoratori Euro 90,00

Per la partecipazione ai seminari è obbligatorio il versamento della quota associativa annuale di
Euro 25,00

L’iscrizione va regolarizzata tramite bonifico bancario intestato alla  Libera Università dell’Autobiografia sul c/c 5108 della Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo
ABI 8345CAB 71310  CIN S  IBAN   IT28S08345 71310 000000005108 e inviando alla segreteria la ricevuta d’accredito.

PER INFORMAZIONI
Renato LiVigni
Piazza del Popolo, 5
52031 Anghiari (AR)
Tel/fax  0575 788847
E-mail:  segreteria@lua.it

COME ASSOCIARSI

Diventa socio della Libera Università dell’Autobiografia
di Anghiari!

Una comunità di scrittori e scrittrici di sé e per gli altri.

Sostieni la LUA e scopri tutti i vantaggi di essere socio:

CONTATTI LUA
  • Piazza del Popolo, 5
    52031 Anghiari (AR)
  • (+39) 0575 788847
  • (+39) 0575 788847
  • segreteria@lua.it